A “tarallucci e vino” gran finale con gli “Amici di Villa Calvanese”

egukfyFinale scoppiettante per l’ultimo appuntamento di “tarallucci e vino”.

jmhvlx2

L’AperiSpettacolo della diciannovesima edizione di “Scenari pagani”

gkk18p

convince e soddisfa gli spettatori di “Risorgimento Pop” con Daniele Timpano.

avxr23

Al centro sociale di Pagani, venerdì scorso, in concomitanza con l’avvio della festa della Madonna delle Galline, si sono “esibiti” gli “Amici di Villa Calvanese”, l’associazione di Castel San Giorgio presieduta dall’energico ingegnere enogastronomo Carmine Capuano.

5c8ajk

Frittate,

xwqpvh

pizze rustiche e l’inimitabile crostata alla marmellata di mandarini cinesi

e4lukw

per l’AperiSpettacolo dei soci del sodalizio

ceroc2

che vanta il merito di ravvivare la suggestiva Villa Calvanese alla frazione Lanzara di Castel San Giorgio.

myhk2d

Come al solito c’erano i compagni fissi di viaggio della seconda edizione di “tarallucci e vino”: l’azienda vinicola Santacosta del wine-maker Giuseppe Pagano;

b70epg

i taralli del panificio Malafronte di Gragnano

tdoju21

e il “panettiello” del panificio Cascone di Lettere.

ij3cmc1

Complimenti, esortazioni, apprezzamenti sono stati la degna conclusione di un’edizione

kjyk2b

che ha affiancato all’alta professionalità degli spettacoli il gusto delle preparazioni dei migliori artigiani dell’Agro Nocerino-Sarnese.

Appuntamento adesso alla ventesima edizione di “Scenari pagani” e alla terza di “tarallucci e vino”.

Foto Mariano Lauro

Annunci

Amici di Villa Calvanese per l’ultimo AperiSpettacolo 2016

xty9kk“Scenari pagani” arriva all’ultima serata e saluta con uno spettacolo che lancia una riflessione sull’Italia che non c’è, sull’Italia che se è risorta, oggi è rimorta. Lo fa con “Risogimento Pop”della compagnia Frosini/Timpano, in programma venerdì 1 aprile alle ore 21.00 presso il Teatro del Centro Sociale di Pagani (SA), location abituale per la rassegna guidata dal direttore artistico Nicolantonio Napoli ed organizzata da Casa Babylon Teatro.

“Risorgimento pop” è uno sberleffo grazie al quale il presente può sembrarci più chiaro, un gioco molto serio agìto in leggerezza e profondità per leggere la Storia e scrivere in modo nuovo la scena. È uno spettacolo sul Risorgimento, sui quattro padri della patria, Mazzini, Garibaldi, Cavour, Vittorio Emanuele, e sul suo antipapà, Pio IX. Due attori, risorti e rimorti, immortali cadaveri, soli in scena, in mancanza di Italia che non risorge. Che non c’è. Ricordano, raccontano ed si interrogano, per un risorgimento pop. Il tormentone sulla morte sempre diversa di Anita fa da perno intorno a cui galoppano vizi antichi e moderni, illumina con soave ferocia episodi gloriosi e gloriose meschinità mentre i due artefici, Daniele Timpano e Valerio Malorni, tessono il quadro di una nazione che non sa assumere un’identità perché non riesce a guardare al suo passato.

ukcykb

Irriverente e goliardico ma di immediata e godibile presa spettacolare, “Risorgimento Pop” ha la cifra stralunata che è marchio di fabbrica di Daniele Timpano; è un cortocircuito di sensi, una scarica di cinismo in forma di cartoon, un cabaret quasi metafisico, una pazzia contagiosa che ha qualcosa di Thomas Bernhard.

IMG_9570

Non può mancare l’apprezzatissimo prologo enogastronomico con l’ AperiSpettacolo “Tarallucci e Vino”, che guida gli spettatori di “Scenari pagani” in viaggi ragionati tra le eccellenze del gusto campane. Continuano ad accompagnare la rassegna i vini dell’azienda Santacosta di Torrecuso (BN) abbinati ai tarallucci del centenario panificio Malafronte di Gragnano (NA); e l’innovativo “panettiello”, il casatiello lievitato del rinomato panificio Cascone di Lettere(NA). “Ritratti di territorio”, che sotto la guida della giornalista Nunzia Gargano si occupa di far conoscere le eccellenze locali, per questa serata ha scelto l’Associazione Amici di Villa Calvanese, che proporrà un percorso attraverso i sapori tipici dell’Agro.

segreteria e botteghino Casa Babylon telefono/Fax 081 5152931

lunedì – giovedì – venerdì – sabato, ore 16.00/20.00

Giulio Coppola: ecco a voi la ricetta del baccalà “arrecanato” del re della “Galleria” di Gragnano

Il baccalà arrecanato è stato il piatto che Giulio Coppola, chef del ristorante “La Galleria” in Gragnano, ha presentato al cooking show di “Vitigno & Terroir” a Villa Calvanese di Castel San Giorgio. Per voi, la ricetta da ripetere a casa.

12828485_885022484940457_3258446111708584499_o

Baccalà “arrecanato”

500 g di baccalà dissalato

300 g di pomodoro giallo

100 g di pomodoro San Marzano

50 gr di olive nere denocciolate

80 g di olive verdi denocciolate

40 g di capperi dissalati

aglio q.b.

latte q.b.

olio evo q.b.

origano q.b.

zucchero q.b.

Porzionate il baccalà e asciugatelo bene.

Fate un soffritto con olio e aglio a cui aggiungete il pomodoro giallo precedentemente passato. Eseguite lo stesso passaggio con il pomodoro San Marzano. Per il pesto di olive, tritate finemente le olive verdi e appassite le olive nere nel forno. Per quanto riguarda i capperi, dopo averi dissalati caramellateli con solo zucchero.

Quando l’olio è ben caldo, infarinare il baccalà e friggetelo. Disponete nel piatto il pomodoro giallo, l’origano, i capperi, due o tre palline di pesto di olive, le olive nere essiccate e il pomodoro San Marzano, disponete il baccalà al centro.

Philly D’Uva e il segreto per gli spaghetti sciuè sciuè

Gli spaghetti sciuè sciuè di Philly D’Uva sono stati protagonista al cooking show di “Vitigno & Terroir”, svoltosi domenica scorsa nell’incantevole scenario di Villa Calvanese a Castel San Giorgio. Di seguito la ricetta per i lettori di questo blog.

11703079_1317826484900803_4943431449788237029_n

Spaghetti sciuè sciuè

Ingredienti per 4 persone

1 barattolo di pomodoro San Marzano

300 g di spaghetti

1 cipollotto nocerino

1 mazzetto di rucola

20 foglie basilico

20 foglie prezzemolo

1/2 spicchio d’aglio

2 fette di pane raffermo (solo mollica)

100 g di parmigiano

60 g di gherigli di noce

olio evo q.b.

sale q.b.

Calate gli spaghetti in abbondante acqua bollente salata. Intanto in una padella fate appassire il cipollotto tritato con 2 cucchiai di olio, unite i pomodori tolti dal sugo e tagliati a pezzettoni; salate e lasciate cuocere 5 minuti. In un mixer, unite tutti gli altri ingredienti aggiungendo a filo un po’ di olio (non dovete ottenere un pesto, ma delle briciole quindi non esagerate con l’olio).

Aggiungete le briciole nella padella del pomodoro. Colate gli spaghetti ormai cotti e conservate un mestolo di acqua di cottura, scolateli ed uniteli al sugo. Mescolate e servite.

Foto Mariana Silvana Dedu

Gli involtini di verza secondo “La Pignata” di Bracigliano

Involtini di verza su fonduta di patate. Questo il piatto preparato dall’osteria “La Pignata” al cooking show di domenica scorsa svoltosi a Castel San Giorgio nell’incantevole Villa Calvanese.

Mafalda e Gerardo ci hanno dato la ricetta di questo piatto buonissimo.

12829237_885022221607150_841334060998312477_o

Involtini di verza su fonduta di patate

Ingredienti per 10-15 involtini

10-15 foglie di verza

3 patate

100 g di provola affumicata

cipolla q.b.

olio evo

pepe q.b.

sale q.b.

Bollite le patate che dopo sbuccerete e schiaccerete. Lavate le foglie di verza e scottatele per 5 minuti. Raffredatele in acqua fredda.

Prendete il resto della verza. Dopo averla pulita e lavata, saltate in padella con la cipolla , salate e portate a cottura. Nel frattempo, tagliate la provola finemente e unite il tutto.

Riempite le foglie con il ripieno preparato. Ultimate la cottura in forno ventilato a 180°-200° per 10 minuti.

Ingredienti per la fonduta

6 patate medie

1 carota

mezza cipolla ramata di Montoro

mezzo gambo di sedano

olio evo

Bollite e schiacciate le patate. Dopo averle pulite, tagliate una carota, mezza cipolla ramata di Montoro, mezzo gambo di sedano. Soffriggete il tutto in padella con olio extravergine di oliva. Infine, passate tutto al frullatore finché la crema diventa densa e omogenea. Setacciatela con un colino. Impiattate prima la fonduta su cui adagiarete l’involtino affiancato dalle imbarcate di grano integrale dello storico Biscottificio Calabrese di Bracigliano

Osteria La Pignata, Bracigliano

Foto Mariana Silvana Dedu

A “Vitigno & Terroir” sold out per i cooking show dei magnifici 4

12794945_885021778273861_19788497735104510_o

Poker d’assi per “Vitigno & Terroir”, la manifestazione organizzata dall’associazione “Amici di Villa Calvanese”, presieduta da Carmine Capuano, organizzata in collaborazione con l’Ais (Associazione Italiana Sommelier) di Salerno. Hanno riscosso grande successo i cooking show di domenica 6 marzo scorso. Sold out per entrambi gli appuntamenti svoltosi rispettivamente alle 19 e alle 20.30.

12823446_885023204940385_6532428569141819739_o

Non ci si poteva aspettare altrimenti da una performance i cui protagonisti sono stati realmente il meglio di ciò che offre il panorama campano.

Un pubblico attento e competente quello che ha partecipato alla degustazione dei piatti abbinati ai vini scelti accuratamente dalla delegazione Ais, rappresentata da Nevio Toti.

12496526_885022168273822_7758637729391594232_o

Il primo cooking show è stato condotto da Nunzia Gargano. Protagonisti: “La Pignata” di Bracigliano, rappresentata per l’occasione da Arianna, giovane studentessa dell’Ipseoa “R. Virtuoso” di Salerno e da Gerardo Figliolia, anima della struttura insieme alla moglie Mafalda Amabile, rimasta in osteria; e “La Galleria”, il locale di Gragnano dello chef patron Giulio Coppola, il cui nome ormai non ha bisogno più di presentazione.

Involtino di verza imbottito con patata su fonduta di provola, accompagnata dall’imbarcata di farina integrale dello storico “Biscottificio Calabrese” di Bracigliano:

12829237_885022221607150_841334060998312477_o

La Pignata, Involtino di verza imbottito con patata su fonduta di provola accompagnato da imbarcata integrale del “Biscottificio Calabrese” di Bracigliano

questa la pietanza “made in Pignata”, a cui è toccato avviare il momento gustoso.

Un piatto tradizionale, ma interpretato in modo nuovo, invece, quello preparato da Giulio Coppola: il “baccalà arrecanato” secondo la Coppola Philosophy.

12828485_885022484940457_3258446111708584499_o

La Galleria, Baccalà arrecanato

È inutile specificare che il pubblico è stato unanime nell’apprezzare la maestria e il gusto che contraddistinguevano i due piatti.

Delicatezza, bontà, armonia dei sapori, riconoscibilità di ogni singolo ingrediente: queste le caratteristiche delle creazioni.

12841185_885022884940417_4756073814232234569_o

L’alto gradimento è stato il compagno di viaggio anche del secondo cooking show condotto da Marco Contursi, fiduciario della condotta Slow Food dell’Agro Nocerino-Sarnese.

“Famiglia Principe 1968” con il patron Lorenzo e lo chef Agostino Scarpa sono i stati protagonisti insieme a Philly D’Uva, la chef a domicilio “esportata” negli States.

E anche qui, se si dà uno sguardo alla storia personale e professionale di ognuno, non si potevano avere brutte sorprese. Ancora una volta, i fortunati che sono riusciti a prenotare il proprio posto per saggiare e assaggiare le qualità culinarie degli “animatori” dello spettacolo enogastronomico non hanno potuto fare a meno di esprimere la propria soddisfazione.

885495_885022948273744_3305251939978187501_o

Lorenzo Principe

Stupisce tutti “ti friggo… sasicc’ e friariell’”

12841447_885023144940391_7371548732720069743_o

Famiglia Principe 1968, “ti friggo…”

con Lorenzo e Agostino, veri e propri mattatori. La polpetta con broccoli e salsiccia, per intenderci, fritta come comanda il buon senso e l’alta qualità è stata non apprezzata, ma molto molto di più.

12823365_885023904940315_6149239933562169474_o

Intrigano il pubblico gli spaghetti sciuè sciuè di Philly D’Uva, nati per caso, come spesso accade, in un giorno in cui il frigo piangeva per la mancata consegna di prodotti da parte dei fornitori poiché c’erano solo rucola, basilico e parmigiano.

11703079_1317826484900803_4943431449788237029_n

Philly D’Uva, Spaghetti sciuè sciuè

In casa c’erano pomodoro San Marzano, noci, pane raffermo, aglio e olio. Così è nato questo pesto alternativo che alla degustazione si rivelò molto buono. Quale occasione migliore per presentarlo se non un cooking show?

12771816_885023248273714_715941573145804673_o

La soddisfazione degli assaggiatori arriva anche per gli spaghetti. D’altronde quando c’è cuore nelle cose che si fa, il risultato è già stato raggiunto.

Foto Mariana Silvana Dedu

Castel San Giorgio: il prossimo week-end ritorna “VitignoeTerroir”

vitignoeterroir-2016

Ritorna l’appuntamento annuale con Vitigno & Terroir, iniziativa organizzata dalla delegazione A.I.S. di Salerno, che anche quest’anno rinnova l’ormai consolidata partnership con l’Associazione “Amici di Villa Calvanese”.
Nuovamente vogliamo dare voce direttamente ai vitigni, per rendersi disponibili a raccontarsi nel modo più espressivo e compiuto: attraverso le zone di produzione principali ed i terroir più vocati!
Le differenze, sottili o macroscopiche che siano, che un territorio imprime nel vino che ne scaturisce, sono ciò che intendiamo scovare e mettere in luce negli straordinari spazi del “Palazzo Calvanese”, allestiti ed organizzati dall’Associazione “Amici di Villa Calvanese”, che ne spinge e promuove la rivalutazione, gentilmente messi a disposizione dall’Amministrazione comunale di Castel San Giorgio, sempre disponibile verso iniziative di rilevanza culturale.
Quest’anno la manifestazione rinnova la formula estesa su 2 giorni, e precisamente il fine settimana del 5 e 6 Marzo 2016, per l’appunto nel “Palazzo Calvanese” sito nella Frazione Lanzara del Comune di Castel San Giorgio (SA).
I principali vitigni campani, Aglianico, Piedirosso, Fiano, Greco, Falanghina e Coda di Volpe, presi a campione fra i territori delle 5 province e messi a confronto diretto, su banchi di assaggio monovitigno.
Ogni vitigno avrà il proprio spazio mescita, affiancato da uno spazio didattico dove sommelier professionisti saranno a disposizione di chiunque voglia approfondire le tematiche degli assaggi e le differenti peculiarità dei vari prodotti.
Anche quest’anno ci sarà un banco di assaggio dedicato a tutti quei vini che non rientrano nelle succitate categorie, in quanto realizzati magari con altri vitigni o con tagli o uvaggi, in modo da completare ulteriormente il panorama viticolo regionale.
Una occasione unica ed irripetibile quindi per approfondire la conoscenza di tutti i territori regionali, delle nostre grandi eccellenze vitivinicole, e di come questi due elementi si influenzino a vicenda: passione e rispetto per la propria terra, approfondimento ed analisi ma anche piacere e convivialità…
E ancora, ogni giorno si terranno laboratori accessibili su prenotazione e ad un numero limitato di persone, in cui si potranno fare approfondite esperienze di degustazione nonché di abbinamento cibo/vino.
In particolare, sabato 05 marzo, si terrà il seminario “Vulcanico Aglianico” a cura dell’enologo Vincenzo Mercurio, ed il seminario “Falanghina del Sannio e Falanghina dei Campi Flegrei a confronto” a cura dell’AIS Salerno in collaborazione con il “Sannio Consorzio Tutela Vini”.
E ancora due cooking show – domenica 06 marzo – chef Lorenzo Principe dell’Osteria Famiglia Principe 1968 di Nocera Superiore (SA), Gerardo e Mafalda Figliolia della Pignata di Bracigliano (SA), Giulio Coppola – La Galleria di Gragnano (NA), Philly D’Uva di Pagani (SA) – con abbinamento cibo/vino grazie alla collaborazione con Marco Contursi – fiduciario della condotta Slowfood dell’Agro Nocerino Sarnese – ed alla giornalista Nunzia Gargano.
Ad impreziosire l’evento ci saranno una serie di incontri, chiamati “I Volti del Vino” in cui ci si potrà confrontare in maniera diretta con i produttori: ogni produttore che intende prendervi parte avrà a disposizione un proprio banco di assaggio esclusivo, in cui poter affrontare direttamente con gli avventori le tematiche del vino a livello più personale, permettendo di approfondire l’identità, le problematiche e la filosofia di produzione.
Non mancherà una zona food con i formaggi di Paolo Amato del Caseificio Aurora di Sant’Egidio del Monte Albino (SA) ed i salumi irpini della macelleria “Le carni irpine” di Mario Laurino da San Michele di Serino (AV). Inoltre, il Biscottificio Calabrese di Bracigliano (SA) offrirà in degustazione lungo il percorso i propri prodotti.
Forte del successo degli anni scorsi, sarà allestito un salotto per degustare ed abbinare ai vini i sigari a cura del club “Amici del Toscano”.
Vista la prossimità della Santa Pasqua saranno presenti per far degustare i loro prodotti pasquali, Edoardo Palma della Pasticceria Palma di Trivio di Castel San Giorgio (SA), Giuseppe e Pasquale Bevilacqua della Pasticceria MammaGrazia di Nocera Superiore (SA) ed il pluripremiato Mastro Dolciere Alfonso Pepe di Sant’Egidio del Monte Albino. Inoltre si potranno degustare i liquori artigianali di Alma De Lux – artigiani del gusto.
Il ProfAgri Salerno, l’unica scuola professionale in Campania dedicata interamente all’agricoltura, sarà presente all’evento facendo degustare il fiano prodotto all’interno della propria azienda agraria: il CAPOCLASSE.
Ad affiancare l’evento, lungo il percorso di degustazione, sarà allestita la personale dell’artista Valentina De Virgilio.
Oltre 1000 le persone presenti, 120 diverse etichette e 21 produttori presenti ai “volti del vino”, questi sono i numeri che nella 2 giorni dello scorso anno hanno animato le sale della Villa: un dato di partenza confortante, per puntare a risultati ancora migliori in questa edizione!

Programma della Manifestazione
Sabato 5 Marzo 2016
Ore 17.00:
Apertura del Palazzo Calvanese con accesso ai grandi banchi di degustazione vino, ognuno dedicato ai principali vitigni campani. Presso ogni banco un sommelier professionista AIS fornirà un supporto didattico completo alle persone che si approcceranno all’assaggio.
Ore 17.30:
Apertura dei banchi di assaggio di prodotti tipici.
Dalle ore 18.30:
Incontri con “I Volti del Vino”: sarà possibile incontrare di persona i produttori che prendono parte alla manifestazione e fare assaggi guidati dei loro prodotti.
Ore 19.00:
Laboratorio “Vulcanico Aglianico” –
a cura dell’enologo Vincenzo Mercurio
Ore 20.30:
Laboratorio “Falanghina del Sannio e Falanghina dei Campi Flegrei a confronto”
a cura dell’AIS delegazioneSalerno in collaborazione con il “Sannio Consorzio Tutela Vini”
Ore 23.30:
Chiusura della prima giornata della manifestazione.

Domenica 6 Marzo 2016
Ore 17.00:
Apertura del Palazzo Calvanese con accesso ai grandi banchi di degustazione vino, ognuno dedicato ai principali vitigni campani. Presso ogni banco un sommelier professionista AIS fornirà un supporto didattico completo alle persone che si approcceranno all’assaggio.
Ore 17.30:
Apertura dei banchi di assaggio di prodotti tipici.
Dalle ore 18.30:
Incontri con “I Volti del Vino”: sarà possibile incontrare di persona i produttori che prendono parte alla manifestazione e fare assaggi guidati dei loro prodotti;
Ore 19.00:
Cooking show con abbinamento cibo/vino (sala convegni).
chef:
Giulio Coppola – La Galleria di Gragnano (NA) con baccalà arrecanato.
Gerardo e Mafalda Figliolia della Pignata di Bracigliano (SA) con involtini di verza su fonduta e biscotto integrale.
A cura della AIS delegazione Salerno – conduce la giornalista Nunzia Gargano.
Ore 20.00:
Cooking show con abbinamento cibo/vino (sala convegni).
chef:
Lorenzo Principe di famiglia Principe 1968 di Nocera Superiore (SA) con ti friggo…sasicc e friariell.
Philly D’Uva di Pagani (SA) con spaghetti sciuè sciuè.
A cura della AIS delegazione Salerno – conduce Marco Contursi, fiduciario della condotta Slowfood dell’Agro Nocerino Sarnese.
Ore 23.00:
Chiusura della manifestazione e saluti per la prossima edizione.

Condizioni d’ingresso:
Ingresso + tracolla e bicchiere e degustazioni vino illimitate: 10,00 €
Solo ingresso senza degustazioni vino: 3,00 €
Ingresso + tracolla e bicchiere + laboratorio: 13,00 €
Laboratorio aggiuntivo: 3,00 €

Per info e prenotazioni scrivere a sommeliersalerno@tiscali.it.
Per i laboratori di degustazione ed abbinamento occorre obbligatoriamente indicare nella mail il numero ed il nome dei prenotati, onde evitare spiacevoli situazioni dovute ad overbooking.
Il solo ingresso alla manifestazione non dà diritto alle degustazioni vino.