DiVin Ricette

io

Grande successo per “Le ricette dell’Agro Nocerino-Sarnese” a Sant’Antonio Abate. Sabato scorso, nella sala della biblioteca, Giovanna Mascolo presidente dell’Associazione “Napoli è” e Alfonsina Longobardi, poliedrica ideatrice del ristorante “Nonna Giulia” di Lettere, hanno illustrato “Le ricette dell’Agro Nocerino-Sarnese”.

Il libro di Nunzia Gargano (Prefazione di Luciano Pignataro), edito dalle Edizioni dell’Ippogrifo, è stato un evento nell’evento di “DiVin Castagne”, l’intensa manifestazione che dal 3 al 9 novembre scorso ha letteralmente sconvolto il comune ai piedi dei Monti Lattari trasformandolo in un luogo privilegiato di promozione territoriale.

io libro

Fagiolo mustacciello, funghi, vino, castagne, patata ricciona, pane tradizionale, sfritto di maiale, laboratori didattici e percorsi educativi sul miele e sul vino, musica popolare questi i protagonisti indiscussi di un appuntamento sempre più apprezzato di un anno in anno.

ioalfgio

Molto interesse hanno infatti suscitato le 343 ricette del libro della giornalista enogastronomica che, nel suo intervento, ha evidenziato la necessità di rivalutare il discorso sulla cucina per comprendere come la ripetizione delle pietanze tradizionali sia da un lato il modo per non perdere il rapporto con i luoghi natii, dall’altro l’unica possibilità per vivere consapevolmente in una prospettiva glocal.

Non si può essere cittadini del mondo, se si ignora il luogo in cui si opera.

Foto di Gianni Cesariello

Annunci

Al via il week-end targato “Divin Castagne”

progrmmadiv

Primo appuntamento serale per il quarto giorno di “Divin Castagne”, la manifestazione che da lunedì scorso ha trasformato Sant’Antonio Abate nel centro del mondo.

Come al solito, stamattina, in piazza don Mosè Mascolo, dalle 10 alle 12.30, si sono svolti i percorsi ludico-educativi di trasformazione del vino rivolti ai bambini e il laboratorio dedicato alla micologia e ai funghi del territorio.

L’avventura continuerà stasera con alternative per tutti i gusti. Alle 21 con lo spettacolo di Gerardo Amarante e gli “Spaccapaese”; la spray art, la mostra micologica e quella degli antichi mestieri.

Da non sottovalutare il momento degustativo dedicato ai prodotti tipici locali a cura del ristorante “Nonna Giulia” di Lettere con i poliedrici Alfonsina e Gennaro Longobardi.