Antonella Rossi chiude il ciclo “Le Signore dei Fornelli” a Villa Palmentiello

rtpkln

Sabato 9 aprile alle ore 13,00 all’agriturismo Villa Palmentiello di Casola di Napoli ultimo appuntamento con la cucina al femminile del ciclo “Le Signore dei Fornelli”. Protagonista di questo sesta tappa sarà la chef Antonella Rossi che proporrà un pranzo incentrato sul pesce azzurro e sui tanti prodotti dell’orto del panoramicissimo agriturismo di proprietà di Ciro Polese. Ad affiancarla ai fornelli Maria Cannavacciuolo, cuoca residente e mamma di Ciro. Dell’azienda ischitana Cantine Antonio Mazzella i vini che accompagneranno i piatti di Antonella Rossi.

L’intero ciclo di appuntamenti vede come partner per la pasta il Pastificio dei Campi della vicina Gragnano e per l’olio extravergine di oliva l’azienda agricola salernitana Madonna dell’Olivo.

Menu
Ananas grigliato, alici, arancio e pepe rosa
Pesce azzurro con cipollotto, fave, piselli e guanciale croccante
Gnocchetti sardi con pomodoro giallo, salsa di alici, stracciata di bufala, capperi e olive
Mezzi paccheri con pesce bandiera, zucchine in fiore e pinoli tostati
Pescato del giorno con caponata in agrodolce
Fragole, meringa, pepe e basilico

In abbinamento:
Cala dei Sassi Rosa Cantine Antonio Mazzella
Biancolella Cantine Antonio Mazzella
Vigna del Lume Ischia Doc Cantine Antonio Mazzella
Limoncello o fragolino di Villa Palmentiello Cantine Antonio Mazzella

Ticket pranzo: 35 euro (vini inclusi)
Ingresso solo su prenotazione

Prenotazioni:
Agriturismo Villa Palmentiello
via Gesini
Casola di Napoli
tel. 081 5392456 – 339 4747447
http://www.villapalmentiello.it

Ufficio stampa
Laura Gambacorta
349 2886327
laugam@libero.it

Annunci

Casola: Imma Gargiulio a Villa Palmentiello interpreta stocco e baccalà

27 febbraio Imma Gargiulo a Villa Palmentiello

Sarà Imma Gargiulo, semifinalista della prima edizione di MasterChef Italia e volto noto di Alice Tv, la protagonista del quarto appuntamento del ciclo “Le Signore dei Fornelli” in programma sabato 27 febbraio alle ore 13,30 presso l’agriturismo Villa Palmentiello di Casola di Napoli. La Gargiulo, da due anni titolare del ristorante Femmena nel centro di Sorrento, si cimenterà in un menu incentrato su stoccafisso e baccalà avvalendosi della preziosa collaborazione di Maria Cannavacciuolo, cuoca residente, e della brigata di cucina dell’agriturismo di Ciro Polese. Dell’azienda trentina Pojer e Sandri, invece, i vini che accompagneranno i piatti della Gargiulo.
L’intero ciclo di appuntamenti vede come partner per la pasta il Pastificio dei Campi della vicina Gragnano e per l’olio extravergine di oliva l’azienda agricola salernitana Madonna dell’Olivo.

Menu
Pallina di baccalà con Bloody Mary al sedano
Puntarelle romane con mela annurca, cialde croccanti di pane e baccalà alla brandacugliun
Risotto alla genovese con stoccafisso marinato al pepe di Sichuan
Paccheri con baccalà alla vaniglia e fili di porri croccanti
Stoccafisso al vapore con cicerchiata e sughetto saporoso di pomodori pelati, capperi e olive
Pasticcetto al limone

In abbinamento:
Zero Infinito Pojer e Sandri
Besler Biank 2005 Pojer e Sandri
Pinot Nero Rodel-Pianezzi 2012 Pojer e Sandri
Essenzia 2005 Pojer e Sandri
Grappa di Zero Infinito Pojer e Sandri

Ticket pranzo: 35 euro (vini inclusi)
Ingresso solo su prenotazione

Prenotazioni:
Agriturismo Villa Palmentiello
via Gesini
Casola di Napoli
tel. 081 5392456 – 339 4747447
http://www.villapalmentiello.it

Ufficio stampa
Laura Gambacorta
349 2886327
laugam@libero.it

Nonna Giulia: S-low Cost per un menu high quality

menu

Tappe di gusto: Nonna Giulia interpreta i Monti Lattari. È stato presentato ufficialmente venerdì scorso il menu (S)low Cost del ristorante di Lettere. Una serata amichevole, familiare, serena e affettuosa, se vogliamo cercare aggettivi per definirla. Soddisfatta Alfonsina Longobardi, l’animatrice della struttura che, insieme al fratello Gennaro, lo chef per intenderci, ha ideato e realizzato per amici e organi di stampa le nuove pietanze in degustazione dal 23 gennaio.

IMG_7234

Soci della condotta Slow Food, giornalisti, amici, appassionati erano tutti lì per appoggiare Alfonsina in questa nuova avventura, nata per omaggiare il proprio territorio, i Monti Lattari.

IMG_7230

D’altronde l’intuizione è lodevole. Questa donna dagli occhi azzurri si è autoproclamata voce della categoria per scuotere un po’ la situazione dei ristoranti di tipo medio-alti, quelli più in affanno della categoria.

E così con un’intuizione intelligente ha rivoluzione il menu del ristorante “Nonna Giulia” partendo da un interrogativo: se non si rendono economicamente accessibili le golose ricette tradizionali come si fa a conquistare i palati più restii?

IMG_7263

La risposta è subito arrivata con l’approvazione all’unanimità degli sperimentatori del “new deal” di questo posto che gode di una veduta spettacolare.

Anche perché le bontà arrivate in sala, non avevano bisogno di particolari presentazioni. Bastava assaggiarle. Solo ingredienti di alta qualità e presidi Slow Food per le nuove preparazioni.
Sono così sfilati: pizza di pane povero, di broccoli e salsiccia, di scarole;

IMG_7240

Trippa e patate,

IMG_7245

zuppa di soffritto su biscotto di pane duro,

IMG_7239

minestra di scarole,

IMG_7250

fagioli e salsiccia,

IMG_7241

archetti di linguine Faella con patate e provola dei Monti Lattari,

pasta e fagioli con crostini mischiato potente del Pastificio dei Campi,

IMG_7253

maccaroncelli Carmiano lardiati con cacioricotta di capra di Cilento,

IMG_7252

fettuccelle Liguori con pomodoro “Miracolo di San Gennaro”,  olive nere e foglie di capperi,

IMG_7251

broccoli e salsiccia,

IMG_7257

 

Non sono mancati i dolci: la panna cotta,

IMG_7258

la torta di gallette

IMG_7261

e delle particolari castagnole pensate in onore del Carnevale.

IMG_7259.JPG

Che dire di più? Ad maiora.

 

Foto di Gianni Cesariello

Casola, il 23 gennaio Marta Guerrini “signora dei fornelli” a Villa Palmentiello

Locandina 23 gennaio

Sabato 23 gennaio alle ore 13,00 all’agriturismo Villa Palmentiello di Casola di Napoli riprendono gli appuntamenti con la cucina al femminile del ciclo “Le Signore dei Fornelli”. Protagonista di questo terza tappa sarà la chef toscana Marta Guerrini, titolare de “Il Quinto gusto” di Pistoia, che proporrà un pranzo incentrato sul cinghiale e sui tanti prodotti dell’orto del bell’agriturismo di proprietà di Ciro Polese. Ad affiancarla ai fornelli Maria Cannavacciuolo, cuoca residente e mamma di Ciro. Dell’azienda umbra Castello delle Regine, invece, i vini che accompagneranno i piatti della Guerrini.
L’intero ciclo di appuntamenti vede come partner per la pasta il Pastificio dei Campi della vicina Gragnano e per l’olio extravergine di oliva l’azienda agricola salernitana Madonna dell’Olivo.

Menu
Crema di zucca con pancetta croccante
Crostone di pane casareccio con salsicce di cinghiale e friarielli
Tagliere di affettati e formaggi con sottaceti della casa
Tagliatelle fresche al cacao con stracotto di cinghiale
Gnocchi di castagne al ragù bianco di cinghiale
Cinghiale in dolce e forte (ricetta Artusi) con polenta garfagnina
Patate agli aromi
Torta di mele tiepida con crema

In abbinamento:
Poggio delle Regine Sangiovese Umbria Igt 2013 Castello delle Regine
Rosso di Podernovo Umbria Igt 2011 Castello delle Regine
Merlot Umbria Igt 2005 Castello delle Regine

Ticket pranzo: 35 euro (vini inclusi)
Ingresso solo su prenotazione

Prenotazioni:
Agriturismo Villa Palmentiello
via Gesini
Casola di Napoli
tel. 081 5392456 – 339 4747447
http://www.villapalmentiello.it

Ufficio stampa
Laura Gambacorta
349 2886327
laugam@libero.it

“Un veritable plat de pâtes” L’eccellenza italiana in abbinamento ai grandi Champagne

banner paris

Dal 3 al 5 dicembre 2015 l’edizione parigina di LSDM

Le secret d’un véritable plat de pâtes” è il titolo dei due Ateliers Gourmets che il 4 ed il 5 dicembre si terranno all’interno del “Grand Tasting, le festival des meilleurs vins”, evento creato dai due giornalisti Michel Bettane et Thierry Desseauve. Sarà Enzo Vizzari, direttore della Guida dei Ristoranti dell’Espresso ad introdurre gli chef Luciano Monosilio e Giovanni Passerini. Questo è il cuore del calendario di eventi dell’edizione parigina di LSDM. Un focus sui prodotti dell’agroalimentare italiano di qualità. I piatti dei due chef avranno per protagonisti la Pasta di Gragnano Igp e saranno abbinati a Krug Grande Cuvée e Dom Pérignon 2005.

Oltre ad incentrare il dibattito sulla Pasta di Gragnano, per il secondo anno consecutivo si torna a puntare l’attenzione anche su un’altra icona del cibo italiano. Il 3 dicembre, infatti, i riflettori saranno tutti per la Pizza Napoletana con un’intensa sessione di lavoro dedicata al prodotto della cucina italiana più famoso al mondo. Ospiti della migliore pizzeria napoletana di Parigi “La Famiglia di Rebellato” di rue Berger, i maestri pizzaioli Gino Sorbillo e Gennaro Nasti insieme al giornalista de Il Mattino Luciano Pignataro, moderati da Stefano Palombari de “L’Italie à Paris” ne racconteranno tutti i segreti attraverso l’approfondimento prima dei singoli ingredienti che la compongono e poi delle tecniche di impasto e cottura. Chiusura dolce con un dessert al latte di bufala realizzato dallo chef Marco di Martino. Sarà necessario fare richiesta di accredito.

Per chi ama l’Italia e la sua grande cultura gastronomica sarà imperdibile il pomeriggio del 4 dicembre, dalle 18 alle 20 da Rap di Alessandra Pierini dove si degusteranno la Mozzarella di Bufala ed il “Fritto all’Italiana” di Gaetano e Pasquale Torrente, coordinati da Angela Barusi di Forma Libera. La boutique/gioiello del 9 arrondissement, punto di riferimento per chi acquista prodotti italiani. Ingresso su invito.

Parte dunque da Parigi la nona edizione de Le Strade della Mozzarella, che proseguirà con una tappa a Milano il 16 febbraio per arrivare al congresso di Paestum dal 18 al 19 aprile 2016, proseguendo poi con un evento a New York nel mese di maggio e la chiusura delle attività in ottobre a Roma.

LSDM è il congresso di cucina d’autore dedicato ai prodotti d’eccellenza del Made in Italy, un progetto culturale sostenuto dai Main Sponsor: Acqua Panna e Sanpellegrino, Pastificio dei Campi, Molino Caputo, Dievole, Frienn, L’Orto di Lucullo con Corbarì ed Agrigenus, San Salvatore.

www.lsdm.it

info@lsdm.it