Pepe brinda al 2015 con il super panettone

Dopo la cerimonia di mercoledì scorso (foto), domattina il maestro pasticciere Alfonso Pepe domattina aprirà il super panettone e brinderà al nuovo anno. L’appuntamento è alle ore 10 alla Pasticceria Pepe a Sant’Egidio del Monte Albino.

Annunci

Sudditi golosi

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il re del panettone 2014, Alfonso Pepe, ha omaggiato i suoi estimatori con un dolce dono. Stamattina, dalle ore 11, tutti coloro che hanno varcato la soglia della pasticceria di via Nazionale in Sant’Egidio del Monte Albino hanno potuto degustare il panettone più buono d’Italia.
Alfonso, per ringraziare e condividere il suo successo, ha realizzato il dolce natalizio nella versione da 10 chilogrammi.
Stupore e apprezzamento da parte dei clienti che hanno colto l’occasione per un foto ricordo con l’artigiano che ormai è una star.
Ad accompagnare l’assaggio il moscato dell’azienda Santacosta. Per un attimo, tutto lo staff della pasticceria si è fermato per la foto di rito.
Alfonso, Prisco, Giuseppe e Anna Pepe hanno dato un nuovo appuntamento per mercoledì prossimo in occasione del brindisi di fine anno.

Il laboratorio sul panettone artigianale di Mamma Grazia

L’Agro Nocerino-Sarnese e la provincia di Salerno sono luoghi d’eccellenza per la preparazione dei panettoni artigianali. Lo testimoniano le classifiche 2014. Non a caso a “Re Panettone” hanno trionfato Alfonso Pepe e Sal De Riso, rispettivamente primo e secondo posto per il dolce tipico milanese. Un tempo, forse.
Quest’anno nella capitale morale italiana, c’era un’altra coppia: Giuseppe e Pasquale Bevilacqua, padre e figlio, insigniti del premio qualità. Da qualche anno, sono impegnati nella continua ricerca per la realizzazione di un panettone artigianale che rispetti tempi e stagioni. Così giovedì scorso, all’interno del proprio quartier generale, la “Pasticceria Mamma Grazia” in via Vincenzo Russo a Nocera Superiore, i due pasticcieri hanno tenuto un laboratorio artigianale in collaborazione con la condotta Slow Food dell’Agro Nocerino-Sarnese, degnamente rappresentata dal fiduciario Marco Contursi.
Un pubblico interessato e appassionato ha seguito attentamente Giuseppe e Pasquale che hanno condiviso la propria passione e le proprie scelte.
La serata si è conclusa con una degustazione di panettoni e cioccolatini “Bevilacqua”, preceduta da un aperitivo e un assaggio di pasta fresca del pastificio artigianale “Giallo pasta” di Delia Fimiani e Angelo De Simone, ravioli con provola e ravioli con ricotta e porcini con salsa al pomodoro, ravioli ricotta e noci in sugo alle noci.
La degustazione è stata accompagnata da un Aglianico Igp delle “Terre del Principato”, un prosecco superiore Docg di Conegliano-Valdobbiadene dell’azienda “Le Manzane” e da una grappa morbida affinata in barrique dell’azienda Magnoberta.

Per info
Pasticceria Mamma Grazia, via Vincenzo Russo, 174 – Nocera Superiore
Tel. 0815144037
http://www.pasticceriamammagrazia.com
e-mail: info@pasticceriamammagrazia.com

Le foto sono di Mariana Silvana Dedu

L’arte bianca: ultimo atto. Si è concluso martedì 9 dicembre il corso di formazione rivolto agli addetti della ristorazione

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le 50 sfumature del cioccolato, questo il titolo dell’ultima lezione del percorso formativo organizzato da Seml, l’Associazione Cuochi Stabiese Equana Monti Lattari, presieduta da Antonio Cascone.
C’erano davvero tutti a Villa dei Cesari in via Varano a Gragnano: Aniello Abagnale, Luigi Malafronte, Aniello Somma, Alfonso Tufano, Salvatore Vicedomini.
Tommaso De Rosa, uno dei quattro maestri cioccolatieri della scuola Perugina, per oltre tre ore ha illustrato agli alunni tecniche e metodi di lavorazione del cioccolato.
Il viaggio alla scoperta del magico mondo della bontà è partito dalla pianta e dai frutti del cacao, passando per l’illustrazione della lavorazione, la pasta di cacao, il burro di cacao, fino ad arrivare alla classica tavoletta di cioccolato.
Il maestro De Rosa ha preparato, nel corso della lezione, svariati tipi di cioccolato e cioccolatini ripieni e vere e proprie sculture di cioccolato che hanno deliziato il palato e gli occhi dei presenti.
Soddisfatti i corsisti che hanno colto l’occasione per apprendere quanto più possibile da un maestro generoso, competente è appassionato.

 

Foto di Barbara Ruggiero

Piatti natalizi, Napoli e il Cilento si incontrano

CILENTO A NAPOLI: TUTTA LA TRADIZIONE CAMPANA NEI PIATTI TIPICI DI NATALE

Mercoledì 10 dicembre 2014 Ore 16:00
Ristorante Zi Teresa – Napoli
con gli chef
Carmela Abate del Ristorante Zì Teresa di Napoli
Giovanna Voria dell’Agriturismo Corbella di Cicerale (Sa)
Maria Rina del Ristorante Il Ghiottone di Policastro Bussentino (Sa)

I Fritti Natalizi
a cura del
Maestro Pizzaiolo Gennaro Cervone della Pizzeria Pizze & Pizze di Napoli e di Zi Teresa

Grandi Dolci di Natale della Tradizione Campana
con i Maestri Pasticceri
Sabatino Sirica della Pasticceria Sirica di San Giorgio a Cremano (Na)
Stella Ricci della Pasticceria Stella di Montesarchio (Bn)
Carmen Vecchione della Pasticceria Dolciarte di Avellino
Nicola Mungiguerra della Pasticceria Mungiguerra di Caserta
Alfonso Pepe della Pasticceria Pepe di Sant’Egidio del Monte Albino (Sa)
Sal De Riso della Pasticceria Sal De Riso Costa D’Amalfi di Minori (Sa)
Emilio Soldivieri della Pasticceria Elia di Giffoni Valle Piana (Sa)
I Torroncini Delice con la nocciola di Giffoni
Il Gelato di Enzo Crivella

I Vini e le Bollicine di:
Grotta del Sole
San Salvatore
Sorrentino
Villa Matilde

Servizio a cura dei Sommelier Alberto Giannattasio della FISAR E Tommaso Luongo di AIS Napoli

Modera Tommaso Luingo

Organizzatore Luigi Savino

Pepe e Vesuvio: simposio di gusto

Il Sud è un popolo d’artisti. Non possiamo controbattere questo stereotipo se pensiamo a un uomo che da almeno tre decenni rimane fedele a se stesso e alle sue scelte. Stiamo parlando di Alfonso Pepe, il maestro pasticciere, associato dell’Ampi.

Alfonso Pepe

Alfonso Pepe

Ormai è quasi superfluo parlare di lui. Perché partita da Sant’Egidio del Monte Albino, la sua fama ha varcato tutti i confini.
Dal Nord al Sud lo conoscono per il panettone più buono d’Italia al quale continuano ad arrivare riconoscimenti.
image
Alfonso però rimane se stesso. Non si monta la testa e va avanti per la sua strada: quella della qualità e della ricerca.
Lavoratore instancabile, si divide continuamente tra il laboratorio e le più importanti manifestazioni del settore. In questo momento, per esempio, è a “Re Panettone” in Milano.
Nonostante l’intensità del lavoro di questi giorni legati alle festività natalizie, che lo porta a lavorare quasi 24 ore al giorno per soddisfare le esigenze della sua clientela che non vuole rinunciare al principe delle feste, il panettone, Alfonso ha trovato anche il tempo per sperimentare un nuovo manufatto.
Il “Babà del Vesuvio”, questo il nome della sua ultima creazione, ha già riscosso molti apprezzamenti, anche a “Re Panettone”.
image
Ma come è questa nuova delizia?
Io e Mariana Silvana Dedu, che si è occupata del servizio fotografico, abbiamo fatto un’incursione nel quartier generale dei fratelli Pepe.

Io con lo staff della Pasticceria Pepe

Io con lo staff della Pasticceria Pepe

Alfonso, Prisco, Peppe e Anna erano tutti lì insieme ai tanti collaboratori tra i quali spiccano Carolina Ferraioli e Antonella Accadia sempre sorridenti, cordiali e serene nonostante i ritmi intensi.
Così abbiamo immortalato in esclusiva il babà che probabilmente rivoluzionerà il mondo della pasticceria.
Come si legge sull’etichetta, questo dolce gioiello si ottiene dopo 36 ore di lievitazione naturale in barattolo di vetro. Una volta cotto viene chiuso ermeticamente.
image
Diverso dal suo antenato sempre bagnato al rum, è candito con scorzette d’arancia e bagnato in liquore all’arancia.
image
Una volta assaggiato, al palato si distinguono immediatamente la perfetta consistenza della pasta, frutto di una meticolosa lievitazione, il sapore gradevole del liquore d’arancia che rimanda ai profumi tipici del territorio di riferimento.
image
Il “Babà del Vesuvio” tra qualche settimana però potrà essere degustato anche alla mela annurca e in altre versioni.
Innovazioni del genere riflettono le immense potenzialità di cui gode la nostra regione.
L’intuizione di Alfonso Pepe ci fa ripensare al Vesuvio, simbolo di Napoli e della Campania nel mondo, che dall’alto guarda maestosamente ai suoi abitanti.

Per info
Pepe Mastro Dolciere
Via Nazionale – Sant’Egidio del Monte Albino
Tel. 0815154151

Le foto sono di Mariana Silvana Dedu